Poetry, above all!

giovedì 11 novembre 2010

LA PROTESTA DEGLI IMMIGRATI TRUFFATI DALLO STATO ITALIANO!

Un breve riepilogo per fare maggior chiarezza e luce sugli eventi che stanno animando Brescia in questi ultimi giorni!

NESSUNA PERSONA E' ILLEGALE 30 ottobre 2010 Brescia

Nel settembre 2009 a Brescia come in tutta Italia migliaia di immigrati hanno fatto domanda di regolarizzazione attraverso la sanatoria colf e badanti, la prima e la sola che il governo abbia aperto da tantissimo tempo. Oggi, dopo più di un anno, delle 11.300 richieste di permesso di soggiorno presentate a Brescia oltre mille sono state respinte dalla questura, altre 4 mila rischiano di fare la stessa fine.
Questo soprattutto perché molte fra le persone che hanno fatto la domanda di sanatoria, negli anni precedenti, pur non avendo commesso alcun reato, avevano subito una condanna per clandestinità in seguito ad un normale controllo di polizia dal quale erano risultati privi di permesso di soggiorno.
Al momento della presentazione delle domande (settembre 2009) il ministero degli interni aveva comunicato che tale condanna non impediva di regolarizzarsi. Ma poi, mesi dopo (marzo 2010), lo stesso ministero ha cambiato idea ed ha ordinato a questure e prefetture di respingere le domande di chi aveva condanne anche solo per clandestinità.
Come dire: chi è irregolare non può ottenere la sanatoria. Anche se questa serve proprio a regolarizzare gli irregolari! Un evidente controsenso!

Ma non solo: se si tiene conto che il presentare le domande di sanatoria è stato molto costoso per i richiedenti e molto conveniente per le casse dello Stato (fra tasse e contributi Inps centinaia di milioni di euro sono passati dalle tasche dei migranti alle casse dello Stato) e che l'assurdo cambio delle regole della sanatoria è avvenuto quando le domande erano già state presentate, è chiaro che siamo di fronte a una vera e propria truffa, fatta dallo Stato e dal governo a danno dei più deboli fra gli ultimi: gli immigrati cosiddetti clandestini.

Da più di venti giorni a Brescia gli immigrati che stanno ricevendo risposta negativa alla loro richiesta di regolarizzazione hanno scelto di cominciare a lottare, con manifestazioni e un presidio permanente davanti alla Prefettura (in via lupi di Toscana), presidio che sta proseguendo nonostante un tentativo di sgombero fatto dalla polizia. Oggi il presidio si trova sotto la costante minaccia di sgombero da parte dell'amministrazione comunale nonostante una regolare richiesta di occupazione di suolo pubblico. La minaccia di sgombero e' un fatto gravissimo, la giunta Paroli-Rolfi nega gli spazi democratici, di liberta' e di espressione; vuole impedire ai lavoratori migranti di protestare per i loro diritti: e' come se si impedisse il presidio dei lavoratori dell'Ideal Standard, della Federal Mogul o di altre fabbriche in crisi. Difendere il presidio significa difendere principi di liberta' da una giunta autoritaria.

MENTRE ERA IN CORSO LA MANIFESTAZIONE LA POLIZIA HA DEMOLITO IL PRESIDIO IN VIA LUPI DI TOSCANA!!!




fonte: http://www.youtube.com/user/cibele013

Nessun commento: