Poetry, above all!

lunedì 26 ottobre 2009

Srebrenica 1995 (senza risposta), di Elena Bettinetti

Sto registrando in nastroteca un libro di Carla Del Ponte, "La caccia- io e i criminali di guerra" ( Feltrinelli 2008):
Carla Del Ponte è stata dal 1999 al 2007 Procuratore capo nel tribunale per i crimini di guerra insediato dall'Onu.
Il libro è tosto, carico di documenti e testimonianze, alcune delle quali sconvolgenti.
Ma nessuna mi ha colpito come questa che ho letto oggi, per cui mi sono dovuta imterrompere due o tre volte perché non ce la facevo ad andare avanti, mi si annebbiava la vista, e il tecnico, un ragazzo del servizio civile, era scioccato quanto me, e ha dovuto uscire dalla cabina per cinque minuti. Quando avete tempo leggetela.
Ho pensato alle testimonianze di Primo Levi su Auschwitz, e al saggio di Hannah Arendt sulla banalità del male.
E solo una domanda, "Perché"?

Elena Bettinetti.

Nessun commento: