Poetry, above all!

domenica 19 aprile 2009

Oggi in Francia tutti i giornalisti contro Berlusconi !!! di Mario Salis

Si !! da parecchi anni, malgrado un certo savoir faire francese, in fondo si ridicolizza con frequenza regolare ilprimo ministro italiano; questo re a gambre corte che vuole conquistare l'anima del popolo ed arricchire il suo potere e il suo conto in banca.

I francesi odiano Berlusconi da quando voleva venire a dettare legge qui in francia imponendo le sue televisioni abiette ed insulse.

Oggi ....molta stampa francese dedica articoli sul fatto che oltre ad avere le televisioni private Monsieur Berlusconi sta prendendosi anche la RAI...infiltrando i suoi uomini leccalecca... che saranno i suoi cani da guardia...

Essendo italiano residente in Francia, posso solo complimentarmi con la stampa francese...sperando che il popolo italiano possa risorgere ed uscire da questa presenza nociva per il suo divenire...

Condivido pienamente l'articolo di oggi su Repubblica ( uno dei pochio giornali che ancora si pu'o leggere ...)

Chi canta fuori dal coro è comunista
di EUGENIO SCALFARI

Non si può non cominciare con le nomine alla Rai. Gli altri giornali minimizzano con l'aria di dire che si è sempre fatto così: la Rai è proprietà del governo e quindi è il governo che ha il potere di decidere trasmettendo le sue indicazioni all'obbediente maggioranza del Consiglio d'amministrazione.

E' vero, sostanzialmente è sempre stato così ma con qualche differenza di non poco conto. La prima differenza è questa: nessun governo, tranne quelli guidati da Silvio Berlusconi, ha mai avuto a sua disposizione le televisioni commerciali, cioè l'altra metà del cielo televisivo. Il fatto che l'attuale presidente del Consiglio abbia a sua completa mercé la propria azienda televisiva privata e l'intera azienda pubblica (salvo la riserva indiana di Raitre finché durerà) configura quindi una situazione che non ha riscontro in nessuna democrazia del mondo. Non so se sia vero che le nomine siano state decise l'altra sera nella riunione di tre ore nell'abitazione romana del premier. E' certo comunque che i nomi proposti dal direttore generale Masi saranno ratificati senza fiatare dal Cda della Rai di mercoledì prossimo e saranno tutti "famigli" di Berlusconi, provenienti dalle sue televisioni private o dai suoi giornali o pescati tra le giovani speranze già inserite nell'accogliente acquario dell'azienda pubblica, collaudati custodi del credo berlusconiano nel circuito mediatico.

Non ci sarà purtroppo una sola persona che abbia mai mostrato un barlume d'indipendenza, un soprassalto di dignità professionale, un dubbio sull'assoluta verità predicata dal Capo.

Questo è lo scandalo, questa è la vergogna, alla quale quel poco di cosiddetta indipendenza che ancora esiste nella stampa italiana si sta ormai adattando per assuefazione esprimendo tutt'al più qualche sommesso brontolio subito seguito da rimbrotti all'opposizione, colpevole di ideologismo e di conservatorismo.

Il quadro è desolante. Gli effetti sono sotto gli occhi di tutti. Il controllo dei "media" non serve soltanto a procacciar voti ma soprattutto a trasformare l'antropologia d'una nazione. Ed è questa trasformazione che ha imbarbarito la nostra società, l'ha de-costruita, de-politicizzata, frantumata, resa sensibile soltanto a precarie emozioni e insensibile alla logica e alla razionalità.

Chi non è d'accordo è comunista. E firme di intellettuali o sedicenti tali accreditano questo scempio culturale e questa menzogna.

Nessun commento: